The beginning of a new career ?

Well, I couldn’t really resist a new post on the Carlucci Error affair.

I would not have done it, but Glashow himself apparently has taken up, as a sort of personal mission, the difficult task of teaching particle physics to On. Sra. Carlucci. However, since I am not writing on “Libero”, I give you a warning: While I’m writing this I am still unable to tell you for sure whether the following letter is apocryphal or not. But is very well written and makes a lot of sense. Therefore I deem it worth publishing, with the additional advantage that it can indeed teach something to our dear friend:

From: Shelly Glashow
Date: 03 March, 2008 17:51:28 GMT+01:00
To: Gabriella Carlucci
Subject: Re: Fw: lettera ingl.doc

Dear Sra. Carlucci:

Thank you for your letter of inquiry about the paper published in Nuovo
Cimento by Altarelli et al. just after the Ting-Richter discovery.
As you are perhaps aware, the authors’ speculation — that the then newly
discovered boson might be the neutral weak intermediary — is
false. This is nothing for them to be ashamed of,
It is the business of theorists to speculate, and we often find that our
speculations are wrong. I have published more than a few papers that have
turned out to have been wrong. So have most of my colleagues. That’s the
name of the game!

The Altarelli et al. paper is just one of many published but false
interpretations of the J/Psi particle. For your information, I append below
the titles of eight papers from the first 1975 issue of Physical Review
Letters. All these works seek to explain the new particle.
Two are correct, one is ambiguous, and five are dead wrong. The false
papers include two by Nobel Laureates (Schwinger
and Yang) and one by a winner of the Wolf Prize and the National Medal of
Science (M. Goldhaber). Altarelli et. al are in excellent company.

Scientists publish speculative results not because they are true, but
because they may be true, If they refrained from publishing their
speculations for fear that they may not always be true, there would be
little progress in science. Even our greatest heroes, Galileo, Newton and
Einstein, have published speculations that turned out to be quite false. I
can supply citations, should you wish to question their scientific
competence.

Sincerely
Sheldon Lee Glashow


1. Are the New Particles Baryon-Antibaryon Nuclei?
Alfred S. Goldhaber and Maurice Goldhaber
pp. 36-37 [View Page Images , PDF (300 kB), or Buy this Article (Use
Article Pack) ]

2. Interpretation of a Narrow Resonance in e+e- Annihilation
Julian Schwinger
pp. 37-38 [View Page Images , PDF (297 kB), or Buy this Article (Use
Article Pack) ]

3. Possible Explanation of the New Resonance in e+e- Annihilation
S. Borchardt, V. S. Mathur, and S. Okubo
pp. 38-40 [View Page Images , PDF (483 kB), or Buy this Article (Use
Article Pack) ]

4. Model with Three Charmed Quarks
R. Michael Barnett
pp. 41-43 [View Page Images , PDF (530 kB), or Buy this Article (Use
Article Pack) ]

5. Heavy Quarks and e+e- Annihilation
Thomas Appelquist and H. David Politzer
pp. 43-45 [View Page Images , PDF (513 kB), or Buy this Article (Use
Article Pack) ]

6. Is Bound Charm Found?
A. De Rújula and S. L. Glashow
pp. 46-49 [View Page Images , PDF (653 kB), or Buy this Article (Use
Article Pack) ]

7. Possible Interactions of the J Particle
H. T. Nieh, Tai Tsun Wu, and Chen Ning Yang
pp. 49-52 [View Page Images , PDF (641 kB), or Buy this Article (Use
Article Pack) ]

8. Remarks on the New Resonances at 3.1 and 3.7 GeV
C. G. Callan, R. L. Kingsley, S. B. Treiman, F. Wilczek, and A. Zee
pp. 52-56 [View Page Images , PDF (906 kB), or Buy this Article (Use
Article Pack) ]

 

On. Sra. Carlucci is indeed a lucky lass. Not every physics student can have a teacher of the level of Prof. Glashow. What more can I say? Perhaps I can give a small contribution to her education. Since I cannot obviously compete with such a tutor, I’ll try a different, more gradual pedagogical approach. As a starting point for her new career, I include below a simple list of fundamental particles, in a form that I hope could appeal to our student. By clicking on it, she can access a more readable version, with a lot of useful, easy-to-remember information on the particles pictured. And, should she wish to purchase a soft, cuddly version of one of them, as a reminder of her first fruitful foray in the field of fundamental physics, she can find more informations here.

particle_splash.jpg

UPDATE March 6th:

Glashow apparently confirmed, to Progetto Galileo, his paternity of the letter reported here.

On. Sra. Carlucci posted again on her blog – exactly the same stuff, only this times she writes a longer post. Since the density of errors and misunderstandings per word is kept constant (and alarmingly close to one), their total number is larger. No other major change in her arguments, apart from the occasional insult. It is followed by a couple of interesting and sensible comments by Parisi, though. While reading the second one I had the impression he is getting a bit fed up with all this.

I am also tired. I think I’ll give up with my educational effort, after all. Please, forget about particle physics, dear On. Sra. Carlucci, and possibly about science altogether. Too many boring people in the field, so attached to old fashioned values like scientific proof, and simple truth. I wish you would also desert the more profitable field of politics, but I fear once again you would not listen to a good advice.

9 Responses to “The beginning of a new career ?”

  1. Giancarlo Albricci Says:

    Ho dato uno sguardo in Rete e per il momento vedo la supposta nuova lettera di Glashow solo su questo blog. la domanda è: a te come è arrivata?

    Io l’ho vista in un commento, a nome Carola Garin, all’ultimo post sul blog della Carlucci. Anche nel blog di Dorigo e’ apparsa in un commento.
    Non la trovo altrove, per ora.
    Come ho detto, potrebbe essere apocrifa. Ma e’ verosimile, e dice cose molto sensate. Se e’ un falso, e’ molto ben fatto (niente a che vedere con altri falsi apparsi in questa vicenda…). Ciao.
    Roberto.

  2. Roberto, volevo solo lasciarti un saluto….
    ti ho “scoperto” sul blog di Carlo Cattaneo….
    ottimo il lavoro che stai facendo…. saro’ un lettore assiduo…
    Ciao

    Michele

    Ciao Michele, ricambio i saluti. Anch’io ti avevo letto e apprezzato a partire dal blog di Marco.
    A presto in rete e magari di persona, a qualche congresso o se passi dal CERN.
    Ciao,
    Roberto

  3. Ciao Roberto,
    sul mio blog ho corretto le fonti grazie alle importanti informazioni che mi hai dato, e ti ho anche ringraziato per benino. Spero che tutta la blogosfera sia capace di tirare fuori la verità – schiaffeggiando moralmente la Carlucci. Purtroppo il tuo sito è troppo in inglese per essere capibile da una buona fetta di amici che seguono il particolaro, quindi l’ho linkato e spero che chi può viene a farsi una visita per leggere le altre info interessanti che hai tu.

    Ciao!

  4. Giovanni Says:

    Caro Roberto,

    ho appena proposto la candidatura di G. Carlucci per il premio IgNobel 2008.

    Sito : http://www.improb.com/ig/

    Cosa ne dici?

    Giovanni

    Caro Giovanni, temo che la On. Sra. Carlucci non abbia il profilo necessario neppure per concorrere al premio IgNobel. A quanto ne so, il premio e’ assegnato per ricerche realmente scientifiche, spesso valide, anche se svolte su temi irrilevanti o ridicoli. Se vuoi e’ una presa in giro che il mondo accademico opera su se’ stesso. Non so se esista un’altro premio per ricevere il quale i soli requisiti siano ignoranza, supponenza e ostinazione. Se per caso ne vieni a conoscienza, faccelo sapere.
    Un saluto,
    Roberto

  5. Glissant Says:

    Ci tengo parecchio a difendere la reputazione dell’On. Carlucci, non certo nell’ambito scientifico – cui erroneamente fanno riferimento molti dei commenti, utilizzandone il metro per giudicare i suoi interventi come se veramente si trattasse di una querelle sulla validità delle teorie di Maiani – quanto in quello letterario. Mi sembra infatti evidente che solo attraverso un’analisi accurata del testo come opera d’arte è possibile una lettura informata ed accorta di un testo ad alto contenuto simbolico, che fa un uso spregiudicato ed avanguardistico di tecniche letterarie apprese nei lunghi anni che hanno portato l’onorevole ad una laurea “in lingue e letterature straniere presso l’università di Roma, specializzazione inglese, tedesco e spagnolo, con votazione di 110 e lode e con una tesi in letteratura nordamericana degli anni ’30”. Prendiamo dunque il testo dell’onorevole per quello che è – un’esempio brillante di sperimentazione linguistica – e andiamo a dimostrarne il valore citando alcuni dei passaggi più controversi :
    1) “Ricordiamo con Socrate, che mai la maggioranza decide ciò che è giusto ma solo ciò che le conviene per questo accettiamo la democrazia.” L’omissione di una o più virgole non è certo un’errore, ma richiama chiaramente l’oracolo di Delfi ed il famoso Ibis redibis non morieris, in cui l’assenza della virgola assicura alla pizia l’autoavverarsi della propria profezia quale che sia il destino del soldato avviato alla guerra. In questo contesto, il messaggio dell’onorevole significa dunque in maniera eloquente, ed utilizzando quegli stessi mezzi espressivi propri del periodo storico cui si riferisce, il primato dell’arte oratoria e divinatoria sulla maieutica socratica, in breve della teocrazia che l’onorevole rappresenta sulla democrazia. Facendo in questo modo della pizia – sacerdotessa cui si imponeva al tempo, in ragione delle sue missioni, un assoluto nubilato – il proprio alter ego, l’onorevole risponde inoltre sin dall’inizio del suo testo alle malelimgue che ne vorrebbero fare una ballerina la cui carriera politica dipende non dalla conoscenza accertata delle lingue, ma dall’uso accorto della lingua.
    2) “Maiani nel 1969 fece una teoria che prevedeva l’esistenza di una particella di materia senza carica elettrica, che poi fu scoperta nel 1974 a qual punto pubblico con Parisi”. Il passaggio, assai controverso, conosce interpretazioni di segno differente, e non è da escludere che l’onorevole abbia consapevolmente utilizzato tale ambivalenza semantica per provocare una profonda riflessione sul tema ed evocarne diversi aspetti complementari. Gli esegeti concordano nondimeno nel leggere la frase nel contesto delle avanguardie della prima parte del XX secolo: alcuni spiegandone la struttura sulla base del flusso di coscienza Joyciano (con associazioni Freudiane come ‘fece-teoria’, chiara accusa al Maiani di non essere mai riuscito a passare dalla fase infantile ed anale della scienza – ed avere partorito una teoria di fece/merda – a quella adulta e fallica in cui, come testimonia il seguito dello stesso ben documentato intervento dell’onorevole, le dimostrazioni scientifiche sono appunto fatte a cazzo). Altri vedono piuttosto delle reminiscenze dadaiste in questo passaggio, che sembra dimostrare come il verbo di Trista Tzara abbia tuttora nell’onorevole Carlucci studiosi seri e coerenti: “Prendete un giornale. Prendete le forbici. Scegliete nel giornale (in questo caso Nature, per esempio. ndr) un articolo della lunghezza che desiderate per la vostra poesia. Ritagliate l’articolo. Ritagliate poi accuratamente ognuna delle parole che compongono l’articolo e mettetele in un sacco. Agitate delicatamente. Tirate poi fuori un ritaglio dopo l’altro dispondendoli nell’ordine in cui sono usciti dal sacco. Copiate scrupolosamente. La poesia vi somiglierà. Ed eccovi divenuto uno scrittore infinitamente originale e di squisita sensibilità, benché incompresa dal volgo. »
    Non mi dilungo oltre nell’analisi del testo, pur ricco a oltranza di esempi di simile se non superiore valore, per non tediare il suddetto volgo con elucubrazioni che capisco distanti dalla sua sensibilità scientifica. Una sensibilità che in nessun modo potrà aver ragione, mai, dell’impeto poetico e visionario dell’Onorevole Carlucci che si è chiaramente, e per una volta fuor di metafora, bevuta il cervello. Prosit.

    Mi inchino di fronte a tanta erudizione. Particolarmente azzeccato il passaggio sulle tendenze dadaiste dell’ On. Sra. Carlucci. Il “modus operandi” argutamente descritto nel commento sembra essere in effetti una costante nella produzione artistica del soggetto, come si puo’ verificare ad esempio qui.
    Roberto

  6. Salve,
    ti avevo citato come referenza in una lettera a Repubblica, ed ho visto che Zucconi ha riportato il link al tuo blog.
    Spero non sia un problema, mi scuso nel caso.
    ciao
    Claudio

    Nessun problema.
    In effetti, avevo notato un leggerissimo aumento di qualche ordine di grandezza nel numero di visite…
    Ciao,
    Roberto

  7. Angelo Giubileo Says:

    Non so come fare sempre piu’ imbarazzto dalla nostra classe dirigente!!!
    Tipico probabilmente non ha mai avuto nemmeno un libro di fisica!!
    Angelo UK

  8. Grazie molte per la lettura interessante che mi hai fornito.
    La mia opinione era gia’ consolidata ma ho avuto modo di farmi qualche risata, ancorche’ amara, e di apprezzare una volta di piu’ le qualita’ umane e lo spirito di tante delle persone coinvolte.
    Trovo paradossale in qualche modo come scienziati che si e’ per lo piu’ abituati a immaginare “freddi e distaccati” risultino invece molto piu’ umani e simpatici di chi si guadagna da vivere facendo spettacolo.
    Non mi dovrei pero’ stupire vivendo con una biologa e avendo per cari amici due astrofisici…
    Tornero’ a leggere.
    Mario

  9. thank you, man

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: